Recensione : Culhwch Apprendista eroe alla corte di Artù

Culhwch Apprendista eroe alla corte di Artù di Andrea Roncaglione edito da Miraggi Edizioni è la rivisitazione di una leggenda della tradizione gallese, che attraverso gli occhi e le sensazioni dell'autore prende una forma nuova ricca di spensierata ironia, il libro è anche ricco di simpatici schizzi e disegni fatti a mano direttamente dall'autore.

Cosa parla il libro?
Nel mitico Galles dell’anno Mille, il giovane e sprovveduto Culhwch è vittima di una perfida maledizione: può innamorarsi solo della donna più bella del mondo, Olwen, figlia di un capriccioso gigante. Il gigante impone al nostro povero eroe una serie di bizzarre prove.
Suo malgrado, Culhwch affronta cavalieri neri, partecipa a epiche battaglie e... lo scoprirete leggendolo :-)

Perché leggerlo?
Se vi piacciono le storie eroiche cariche di umorismo e piene di avventure cavalleresche, dove l'eroe protagonista della storia, saprà rubarvi un sorriso tra le sue rocambolesche avventure

Ecco un stralcio del libro
Gli occhi chiusi, la testa leggermente piegata in avanti, Yspaddadden Capo dei Giganti sedeva sul trono. Nell'enorme semioscurità polverosa della sala, i primi raggi del sole si muovevano lentissimi, come tracciati di cecchini addormentati sui fucili. Nelle zone buie, s'indovinavano grosse sagome di topi e altre bestiacce sconvenienti, ma tutto era immobile. Non si udiva altro rumore che il lento respiro di Yspaddadden, come il lento salire della marea, e altrettanto duraturo.

Rosa Forino

2 commenti:

  1. Mi piacciono queste letture, lavori tanto di fantasia mentre le leggi :-)

    RispondiElimina

Instagram

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001