Calamite con gli stecchi del gelato

scritto da Rosa Forino - mercoledì, gennaio 09, 2013

Ecco una piccola creazione da fare con i bambini sono delle calamite fatte con gli stecchi di gelato che si trasformano in margherite colorate e divertenti da attaccare sul frigo o dove volete :-)

Calamite con gli stecchi del gelato
Vi spiego come si fanno

Materiali
3 stecchi del gelato (meglio quelli un pò più grandi all'estremità)
mezza sfera in legno 
colori tempera di vari colori 
una penna indelebile nera
colla vinilica 
calamite

Colorare con i colori a tempera gli stecchi di gelato e lasciare asciugare incollare fra loro incrociando gli stecchi e incollare la mezza sfera di legno che avrete decorato con occhietti e sorriso smagliante, per renderla più buffa fate anche le guanciotte tira baci :-)
e voilà non ci resta che attaccare sul retro la calamita che potrà contenere tutti i messaggini che volete 
margherite con stecchi gelato
Spero portino tanta allegria nei vostri cuori

  • Condividi:

Ti potrebbe piacere anche

11 commenti

  1. mamma che carine!
    ti abbraccio
    stefy

    RispondiElimina
  2. sono stupende!!!!!!!!!!! bravissima!!!

    RispondiElimina
  3. sono davvero molto carini, allegri e originali! Un'idea davvero simpatica!
    SaraT

    RispondiElimina
  4. Brava, le tue idee sono sempre molto belle!

    RispondiElimina
  5. Idea semplice, pratica e originale ^^
    Assolutamente gradita e promossa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho comprati un po' proprio oggi! chissà cosa ne uscirà fuori. A presto

      Elimina
  6. un idea simpatica e originale, da fare anche con i bimbi
    grazie del suggerimento
    buona settimana creativa Valeria

    RispondiElimina
  7. Grazie d'aver condiviso il tuo post con me......ho appena visitato il tuo blog,e mi piace molto.....posso essere dei vostri...giovanna di homepjmamma

    RispondiElimina
  8. veramente molto belli. Lavoretti molto simpatici.

    RispondiElimina
  9. sono davvero carini questi fiorellini. Mi sono unita molto volentieri al tuo blog. lo trovo davvero interessante. A presto, Sara.

    RispondiElimina