Una nuova avventura … esagoni in Patchwork

Sarà il caldo o la frenesia della casalinga esaurita ho deciso di mettere ordine nelle scatole degli hobby un po’ per recuperare spazio e un po’ perché il caldo mi impedisce di uscire da casa.
Nelle scatole di stoffe ho trovato tanti ritagli, cosa farne?
esagoni patchwork
Buttarli... certo no, quindi ho pensato di utilizzare la tecnica patchwork per crearne tanti esagoni. Per prima cosa ho deciso che i lati dei miei esagoni saranno di 3 cm, perché voglio utilizzare gli scarti più piccoli e grazie all'aiuto di questo sito incompetech.com/graphpaper/ che crea automaticamente tanti esagoni (e non solo questa forma geometrica) della misura che preferisci in un'unica pagina

Io ne ho stampate 20 copie e pazientemente li ho ritagliati tutti intorno successivamente li ho appoggiati sopra la stoffa lasciando tutto intorno mezzo centimetro per le cuciture, ne ho creati tanti tanti tanti (nella foto ne vedete solo una piccola parte) sono così pronti piano piano per essere cuciti.
Risultato adesso la sera davanti alla tv saprò cosa fare :-)
Cosa ne farò una volta finito ?
Ancora non so… per ora ho liberato un po’ di spazio

esagoni patchwork
Per chi vuole ancora riciclare e’ possibile creare gli esagoni, facendo una sagoma di cartone rigido e appoggiandola su vecchie pagine di riviste e tagliarle intorno creandosi così gli esagoni, io ci ho pensato solo dopo aver stampato, ma per i prossimi farò così :-)

Non mi resta che augurarvi buona domenica e buon creatività!!!

Rosa Forino

3 commenti:

  1. Ciao ,per lo spazio :( a me servirebbe un armadio con le medesime capacità del gonnellino di Eta Beta :).

    RispondiElimina
  2. Bellissimo anche il tuo blog, anche io ti seguo volentieri, complimenti sei bravissima :-)

    RispondiElimina
  3. ciao sei bravissima, ma faccio una domanda da inesperta... la carta dentro la stoffa come diventa quando lavi il lavoro che comporrai? grazie Maura

    RispondiElimina

Instagram

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001