Bambolina bijoux di Alberta Bijoux Blog

scritto da Rosa Forino - 17:59

Protagonista di oggi per l'iniziativa di "Voglio essere anch'io... kreattiva" è Maria Giovanna una bravissima creativa esperta di pasta polimeriche che sul suo blog Alberta Bijoux Fimo Blog ci insegna come creare tanti oggetti e bijoux con questo materiale davvero straordinario.

Bambolina bijoux di Alberta Bijoux Blog

Oggi ha realizzato per noi una bambolina gioiello ispirata alla primavera come protagonista le classiche violette, che sono anche il mio fiore preferito, scoprirete con il suo tutorial come sia bellissimo crearsi una bambolina bijoux personalizzata e allo stesso modo lasciarsi incantare dalla storia di Albertina la bambolina di oggi. Ma scoprite qualcosa anche di Maria Giovanna con questa piccola intervista 

Raccontami cosa fai nella vita, quali sono le tue passioni creative e quali sono i tuoi interessi
Dopo aver lavorato per anni nella scuola, ora per scelta sono una mamma creativa a tempo pieno con una grande passione per le paste polimeriche e per la scrittura creativa.
E poi c'è il mio blog, che raccoglie tutte e due le mie passioni. Alberta Bijoux Fimo Blog  prende il nome da mia figlia Alberta, senza dubbio la mia creazione migliore!
Raccontami come è nato il tuo blog, cosa ti ha spinto ad aprirlo e cosa ti appassiona di questa avventura sul web
Il mio blog è nato per il piacere di mescolare alle paste modellabili, oltre le mie emozioni ed esperienze, anche la mia passione per la scrittura. Spesso infatti i tutorial dedicati al fimo sono accompagnati da una fimo-story che permette di entrare, in modo originale, nel magico mondo delle paste polimeriche.
Di questa avventura sul web, dove tutto sembra possibile, mi appassionano gli imprevedibili sviluppi, il confronto con altre creative, lo scambio di idee e di consigli.
Qual'è la tua tecnica preferita e come è nata la tua passione per questa tecnica 
La mia passione per le paste polimeriche è nata dopo un percorso formativo e  lavorativo che mi ha portato sempre più a specializzarmi nel campo dei linguaggi espressivi, dei laboratori creativi e sensoriali, sperimentando così sempre nuove tecniche e materiali che mi hanno permesso di conoscere da vicino le paste polimeriche le quali mi hanno conquistata subito per le loro infinite potenzialità.
Cosa ti spinge ad essere "kreattiva"
Mi spinge ad essere "kreattiva" il piacere per la condivisione. La creatività senza condivisione e confronto non può nè svilupparsi nè crescere.
Quali sono i tuoi siti e blog preferiti Ma ovviamente Kreattiva!

Ecco 3 bellissimi tutorial realizzati da Alberta Bijoux Fimo Blog    

utilizzare il fimo per personalizzare i tuoi progetti creativi
come riciclare una macchina caffè - porta bigliettini in fimo - pattini in miniatura
Nel laboratorio di Alberta Bijoux il fimo è di casa e la Primavera è nell'aria, ho il piacere di presentarmi con un tutorial per realizzare una Albertina, un’originale Bambolina bijoux che oggi vestiremo insieme di un abito polimerico dalla fantasia che ricorda proprio quella del prato fiorito di violette che ho davanti ai miei occhi.

violette della primavera

Eh, sì,  quante di noi hanno sognato di indossare un vestito che non si sgualcisse mai, fatto di un tessuto destinato a durare nel tempo? Ecco la soluzione, almeno per le nostre bamboline: gli abiti in fimo, un duttile materiale plastico modellabile termoindurente! Strutturati, leggermente flessibili e super personalizzabili e destinati a durare nel tempo. Adoro le paste modellabili, infatti, proprio perché sono un materiale che ben si presta a dare forma a ogni nostra idea.
A introdurre il tutorial di oggi, dall'atmosfera e dai colori decisamente primaverili, è proprio la voce di Albertina, che indosserà un abito, realizzato interamente a mano in fimo, ispirato ai colori della natura e al magico mondo dei fiori. Albertina ci condurrà in un mondo da favola attraverso una breve “fimo-story” che ci permetterà  di comprendere meglio alcuni passaggi delle fasi di lavorazione del fimo. Spero permetterà soprattutto a chi è alle prime armi, di familiarizzare simpaticamente con questo materiale, secondo lo spirito che anima il progetto del mio blog. Attraverso un linguaggio espressivo che mescola alla pasta polimerica emozioni, esperienze e racconti in fimo,  sono i personaggi o le creazioni stesse a guidarci in un itinerario polimerico dalle tante suggestioni.
La “fimo-story” che Albertina ci racconterà diventa quindi, in quest’ottica, un espediente creativo per spiegare in modo diverso sia il passaggio di solidificazione del fimo attraverso il processo di cottura che avviene nell’arco di pochi minuti all’interno di un fornetto sia alcune fasi della sua lavorazione e delle sue caratteristiche.

tutorial bambolina bijoux fai da te

“….. stanca mi addormentai, pensando a che abito sarebbe stato meglio indossare l’indomani per il primo appuntamento con lui. Mi ritrovai piccolina così, non so come, all'interno credo di una grande “sartoria creativa” dove gli scaffali, che arrivavano fino al soffitto, erano ricoperti dai materiali più strani e insoliti per creare degli abiti da fiaba. “Avrei bisogno di un vestito che possa durare per sempre, come l’amore … spero!”- dissi romanticamente dopo essermi schiarita la voce.
La sarta, che era dietro al bancone, si girò tutta sudata e, dopo avermi scrutata attentamente dall'alto in basso, aprì di scatto alcuni scatole dalle quali fece rotolare fuori alcune sfere di un materiale plastico che quasi mi colpirono, andando poi a finire pressate tra i pesanti rulli di una macchina per fare la pasta.
Mi guardai intorno incredula e sempre più accaldata: dopo qualche istante vidi uscire dai rulli una sfoglia bianca sottile come un tessuto che, al tatto, mi ricordò la consistenza lievemente appiccicosa delle paste modellabili che usavo da bambina.
“Qual è il tuo fiore preferito, mia cara?” – mi domandò la sarta con gli occhi improvvisamente immobili e fissi nel vuoto, come fossero quelli di plastica di una bambola.
Mi accorsi che la temperatura all'interno della sartoria stava aumentando sensibilmente.
La donna davanti a me, a causa dell’alta temperatura sembrava sempre più irrigidita nei suoi movimenti come fosse bloccata nei suoi abiti.
Mi si avvicinò e seria, con il volto quasi pietrificato, avvolse intorno alla mia vita quella stoffa plastica giusto in tempo prima che le sue mani prendessero per sempre forma solida.
“Esci da qui e vestiti dei colori della Primavera: vai a rotolarti qui fuori nel prato come facevi da bambina, e poi torna qui subito dentro. Ma fai presto, prima che la temperatura diventi troppo alta!” – disse la sarta che ormai non riusciva più a muoversi , bloccata nel suo vestito che era diventato completamente solido come il suo corpo.
Feci come lei aveva detto, corsi nel prato che era pieno di violette, mi rotolai sopra e tornai all'interno della sartoria. Guardando il mio vestito vidi che erano rimaste attaccate alla pasta del mio abito le violette del prato e che esse rapidamente e magicamente stavano prendendo forma in fimo. Di soprassalto mi svegliai tutta sudata. La mia camera quella notte d’estate era un vero forno!”

albertina la bambolina in fimo

Occorrente per realizzare una Albertina, una bambolina bijoux vestita di abiti polimerici:
  • pasta polimerica: bianca, viola, verde, gialla
  • mattarello per paste polimeriche o macchina per la pasta
  • dotter e cutter
  • carta stagnola, carta da forno e nastro adesivo
  • fornetto elettrico e termometro da forno
  • scheletrino bambolina
  • perla dal diametro di 1,5 cm
  • charm a forma di borsetta, moschettone,
  • 65 cm catenella a pallini argentata con chiusura, anellino apribile
  • pinza con punte cilindriche
Dopo aver preparato sul piano di lavoro tutto l’occorrente, scaldiamo tra le mani della pasta polimerica bianca fino ad ottenere la forma di una sfera ci circa 3 cm di diametro.
Facciamo lo stesso scaldando e rullando tra i palmi delle mani delle quantità più piccole di pasta viola, verde e gialla.

scheletro in metallo bambolina ammorbidire il fimo con facilità

Schiacciamo con il pollice la sfera di pasta bianca sul piano di lavoro, precedentemente rivestito di carta da forno fissata con del nastro adesivo. Passiamo la pasta bianca nel rullo della macchina per la pasta fatta in casa, se ne abbiamo una da dedicare interamente alle paste polimeriche, oppure, in caso contrario, stendiamo la pasta bianca con un mattarello per paste sintetiche fino ad ottenere una sottilissima sfoglia dello spessore di uno o due millimetri massimo.

stendere sfoglia di fimo in un attimo modellare le paste polimeriche

Dalla sfoglia così stesa ricaviamo, con l’aiuto di un cutter, un trapezio con la base maggiore di circa 10 cm, la base minore di circa 8 cm e l’altezza di circa 3,5 cm.
Rivestiamo il corpicino della bambolina con della carta stagnola, avendo cura di tenere avvolte insieme braccia e gambe in modo che esse non vadano a intralciare le successive fasi di lavorazione.

come realizzare una viola con paste polimeriche violette con fimo

Rullando con il palmo della mano sul piano di lavoro le piccole sfere di pasta viola e verde otteniamo due salamini: uno viola, del diametro di 0,5 cm e uno verde del diametro di 0,1 cm . Dal verde ricaveremo i sottili steli delle violette polimeriche; dal viola, tagliato a fettine sottili, modelleremo i petali delle violette.
Applichiamo i sottili cordoncini di pasta verde disponendoli a nostro piacimento sulla stoffa polimerica bianca per cominciare a trasferire i colori del nostro prato ricoperto di profumatissime violette. Con il mattarello appiattiamo le piccole e sottili rondelle di pasta viola e andiamo ad applicarle e a disporle, con l’aiuto di un dotter, esercitando una piccola pressione sul vestito per farle aderire bene.
gonnella per bambola in pasta polimerica 

Una volta terminata la decorazione fiorita, con un movimento rapido di mano, senza ago né filo, andiamo ad arricciare la parte superiore della gonna dell’abito. Ricaviamo poi con il cutter, dagli scarti della pasta bianca una sottile fascetta ( 4 cm x 2 cm) di pasta dalle estremità a punta che diventerà il corpetto dell’abito.
Facciamo aderire intorno alla vita della bambolina la parte arricciata della gonnella, avendo cura di far combaciare i lembi di stoffa polimerica nel punto di giuntura sul retro della bambolina. Applichiamo quindi il top bianco sovrapponendo sulla schiena le due punte del corpetto.

vestitino in pasta polimerica modellare in pasta polimerica un vestitino con violette

E questo è il risultato finale, fronte e retro, prima della cottura. Per un effetto ancor più realistico possiamo applicare delle piccolissime palline di pasta gialla all’interno dei fiori di violetta.

come infornare la pasta polimerica

Albertina, la bambolina bijoux con il suo abito polimerico si veste dei colori della primavera, dei colori delicati e dei profumi intensi dei nostri prati.

modellare la bambolina bijoux con fimo

Ora non resta che adagiare  con delicatezza la bambolina sul vassoio del nostro fornetto elettrico rivestito di carta da forno. Il fimo e le paste modellabili in generale infatti sono termoindurenti il che vuol dire che andranno ad assumere forma solida solo dopo un procedimento di cottura come ci raccontava Albertina nella “fimo-story” introduttiva. Consiglio sempre, trattandosi di materiale plastico, di inserire all’interno del fornetto elettrico un termometro da forno in modo da poter verificare sempre l’effettiva temperatura raggiunta internamente così da evitare l’inconveniente di spiacevoli bruciature. Cuciniamo la bambolina alla temperatura di 120° per 20 minuti.

montare albertina la bambolina in bijoux ultimi dettagli per completare la bambolina in fimo

Dopo che la creazione si è raffreddata infiliamo, come testa, nel perno fissato sul collo della bambolina, una perla; con la pinza dalle punte cilindriche rigiriamo la parte in eccesso del perno andando ad ottenere un occhiello nel quale inseriremo un piccolo moschettone.
Fissiamo quindi, con un anellino apribile, il charm a forma di borsetta alla mano forata della bambolina. Facciamo passare nel moschettone la catenina e la collana è pronta.

Bambolina bijoux di Alberta Bijoux davanti Bambolina bijoux di Alberta Bijoux dietro

Et voilà, una nuova Albertina non vede l’ora di essere messa al collo e per farci portare con noi i colori della primavera che attraverso il fimo dureranno per sempre!

  • Condividi:

Ti potrebbe piacere anche

0 commenti