Media Kit per blogger: che cos'è e come si fa?

scritto da Rosa Forino - martedì, gennaio 21, 2020

Che tu abbia aperto il blog spinta da pura passione o più semplicemente speri che possa dare una svolta alla tua vita, se vuoi fare crescere questo spazio creativo devi curarlo e seguirlo con amore e tanto sacrificio.
Non ci sono scorciatoie e vie secondarie che tengano se vuoi che il tuo blog duri nel tempo e per far crescere la tua popolarità devi mettere in conto ore di duro lavoro. Se ami poi condividere il tuo sapere con gli altri creare una community che ti ama e ti apprezza per quello che sei è sicuramente il modo per trovare sempre la carica giusta per continuare.


Creare contenuti di qualità, curare grafica e i social può essere il punto di inizio per partire con il piede giusto, costanza e passione possono fare sicuramente la differenza fra un blog per hobby ad uno professionale. Per tenere il tuo blog blog aggiornato e curato non smettere mai di studiare. Continua ad aggiornarti anche quando sempre tutto fatto, le persone che ti seguono sono esigenti e cercano info aggiornate e di tendenza al tuo settore di riferimento.

Per rendere il tuo blog professionale, comincia tu stessa a guardarlo con occhi nuovi, potenzia i tuoi punti deboli e soprattutto non svendere il tuo lavoro solo per "vendere a tutti" .

Lavora su qualità e materie prime, sperimenta nuovi modi per raggiungere lo stesso obiettivo. Trovare nuove strade da percorrere e non fermarti neanche quando senti che hai raggiunto il traguardo che ti eri posta. Un buon artigiano punta sopratutto sulle competenze quasi mai al "basso costo" quindi non adeguarti MAI alla tua concorrenza solo per competere, ma mantieni il tuo stile e la tua individualità SEMPRE è proprio questa unicità come creativa che ti rende speciale.
Non voglio dilungarmi troppo sui tanti aspetti della tua brand identity (identità del tuo blog) ma tieni sempre presente che per promuoverti al meglio devi rimanere costante nel tempo e i tuoi lettori devo sapere che possono contare sul tuo aiuto. Crea un calendario editoriale che ti aiuta a focalizzare il tuo tempo e ti faccia vedere il quadro generale dei tuoi contenuti. Studia una strategia adeguata che ti permetta di dare le giuste informazioni a chi ti segue e soprattutto al momento giusto e si sempre presente per chi ti chiede aiuto.

Tieni vivo l'interesse della tua comunità mostrando il dietro le quinte del tuo lavoro e regalando piccole sorprese destinate a loro, io per esempio ho creato Kreattiva Magazine proprio per farti sentire creativa tutto l'anno indipendentemente dalla tua voglia di fare. Potrai dire di aver fatto un buon lavoro quando inizierai ad essere contattato dalle aziende per collaborare con loro e soprattutto quando potrai scegliere i partner senza svendere te stessa e il tuo lavoro. Se hai ricevuto proposte di collaborazione molto probabilmente ti avranno chiesto il Media Kit

Media Kit cos'è e come si fa?

Cos'è il Media Kit?
Il media kit è il documento ufficiale dove puoi presentare in poche pagine alle aziende il lavoro fatto e tutto quello che c’è da sapere sul tuo Blog. In genere vengono inserite tutte le informazioni del tuo blog, chi sei e come hai iniziato, ma anche un riassunto delle statistiche, la portata dei social e gli argomenti che abitualmente tratti sul blog. Questo documento è l'occasione ideale per mostrare il meglio di te, la tua personalità, il tuo stile e ciò che ti far distinguere dai tuoi competitor.

Sarebbe buona norma che il Media Kit fosse curato e professionale, che raccontasse la storia ma allo stesso tempo illustri i motivi per cui le aziende dovrebbero scegliere te come partner d’affari. E' lo strumento più diretto e prezioso per mostrare chi sei e quanto vali. Fare un buon media kit ti aiuta a far percepire ai tuoi potenziali sponsor il "tuo valore unico" e quello che puoi offrire scegliendoti.

 se sei un azienda è vuoi ricevere il media kit scrivimi a rosakreattiva@gmail.com

Come creare un buon Media Kit?
Per creare un buon media kit ci vuole tempo ed energie, ma soprattutto c'è bisogno di prendere in esame con obiettività numeri e prospettive valide per le aziende che ti contatteranno.
Devi far conoscere all'azienda:
- le tue credenziali professionali ma anche la passione che metti in quello che fai e chi sei.
- Non deve mancare la descrizione del tuo blog che indichi l'argomento cardine, la frequenza di pubblicazione e le rubriche regolari dei tuoi spazi.
- Quali sono i tuoi lettori tipo, cosa amano di te e in che modo ti seguono, indica anche gli interessi che hanno e tutto quello che aiuti a capire il meglio chi ti legge. 
- Non dimenticare di indicare le statistiche delle pagine viste sul tuo blog e i visitatori unici, aggiungi le statistiche dei social media e le interazioni che ne conseguono. Se hai una community o altri siti che possono essere più adatti allo scopo delle promozioni segnala anche quelli.
- Se lavori con la SEO indica posizionamenti e le keyword (parole chiavi) più importanti
- Indica le collaborazioni che stai portando avanti in questo momento e le specifiche dei brand, oltre alla tipologia di partnership. 
- Usa delle immagini che ti caratterizzano per rendere tutto più leggero e semplice alla lettura.
- Racconta come ti piacerebbe collaborare e i servizi che in genere ti hanno maggiormente richiesto.


Cosa non deve mancare in un media kit
- Anche se un documento ufficiale nel media kit non può mancare un racconto personale quindi in forma molto breve cerca di far scoprire la tua personalità e qualcosa in più di te
- I numeri non sono tutto quindi quando inserisci i dati usa sempre quelli reali, e metti a disposizione anche i risultati di campagne e progetti realizzati indicando le collaborazioni passate più importanti. 
- Se ci sono degli aspetti del tuo blog che vuoi mettere in luce, anche se non sono in linea con le tue pubblicazioni abituali, non avere paura di scriverne, indica un progetto che ti sta a cuore, un video che ti ha fatto capire quanto sia importante mettersi in gioco. Raccontati senza remore, questo aspetto potrebbe essere quello che ti distinguerà da tutti gli altri media kit ricevuti dall'azienda.

Suggerimento
Tieni il tuo media kit sempre a portata di mano, io ti consiglio di caricarlo su Drive o Dropbox in formato pdf in modo da poterlo inviare anche da smartphone e tablet all'occorrenza senza grosse difficoltà. Crea sempre una versione in inglese, così potrai inviarlo in caso di richieste internazionali.

Tu hai già realizzato il tuo mediakit? Cosa lo rende diverso da tutti gli altri?

  • Condividi:

Ti potrebbe piacere anche

2 commenti

  1. grazie dei tuoi preziosi consigli, a presto, Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata a trovarmi Ely, spero ti possano aiutare ☺️

      Elimina