Terrario: come coltivare le piante nel vetro

scritto da Rosa Forino - venerdì, giugno 14, 2019

Se ti piace rendere accogliente la tua casa e ami il fai da te, non puoi non approfittare di queste giornate calde per creare un terrario, un giardino in miniatura ricco di fascino e creatività.

terrario fai da te

Il piccolo giardino in vaso potrà esaudire il tuo desiderio di avere un oasi di pace a portata di mano e inoltre potrai crearlo proprio come piace a te, perchè potrai accostare con facilità materiali e piantine diverse e creare così un micro cosmo unico, come sei tu.
Come sai Riciclare i barattoli di vetro è uno dei miei passatempi preferiti, nel tempo li ho utilizzati per creare lanterne, accoglienti contenitori per minuterie, buffi unicorni, insoliti regali di natale, vasi per fiori e perfino un presepe in vetro.

Approfittando di questi giorni torridi ho deciso di improvvisare un terrario con i materiali che avevo a disposizione, per portare in casa un angolino di verde, tutto mio.

Costruire il terrario è facilissimo ed anche divertente perchè ti permette di rendere unico il tuo giardino in miniatura. 

Cos’è un terrario o terrarium?
Il terrario è un giardino in miniatura costruito dentro un recipiente in vetro come: vasi in vetro, damigiane, barattoli di vetro, calici, bicchieri, ect. Il suo aspetto originale prevede che le piantine siano completamente coltivate in vetro, in alcuni casi anche in vaso chiuso. Il principio si basa sul fatto che il terriccio rimane costantemente umido grazie al vapore acqueo che si crea all'interno del recipiente. Infatti il calore del recipiente e la traspirazione delle piantine creano una condensa che si depositerà sul terriccio, lasciandolo umido, in questo modo il micro cosmo si auto-alimenterà e non ci sarà bisogno di ripetute innaffiature, basterà aggiungere qualche cucchiaio d’acqua, una volte a settimana se necessario.

Come realizzare un terrario fai da te
Come realizzare un terrario fai da te 
Realizzare un terrario è un esperienza unica, perchè ti permette di osservare le piantine in crescita e il progressivo intreccio fra di loro, quindi se hai in casa dei bambini puoi crearne uno ed usarlo come strumento per avvicinarli alla cura e all'amore per la natura. Per iniziare avrai bisogno di questi
Materiali
- Terriccio drenante o della torba
- Sassolini o ghiaia
- Carbone attivo o pezzetti di corteccia
- Spruzzino per vaporizzare l'acqua
- vaso di vetro o un bicchiere
- cucchiaio con manico lungo
- piantine: le più adatte sono quelle che prediligono gli ambienti umidi, come Felci, Fittonia, Edera nana, Ficus in alternativa puoi usare piantine grasse e succulenti. Il mio consiglio e di non frenare la tua fantasia e sperimentare, aggiungendo tipi di piante diverse per creare la tua oasi naturale.

Per prima cosa pulisci bene il tuo contenitore di vetro poi prepara il fondo creando un miscuglio di ghiaia e sassolini. Aggiungi uno strato di carbone e infine il terriccio drenante. Con l'aiuto del cucchiaio pianta le piantine scelte, in modo da collocarle nel posto a loro destinato. 

Terrarium improvvisato
Piccola nota 
Nel mio caso ho deciso di usare 2 vasi di vetro di due misure diverse per aver modo in qualsiasi momento di sostituire la piantina che crescerà semplicemente nel terriccio. Quindi gli elementi che sono a vista hanno uno scopo puramente decorativo, inoltre in un vero terrario la piantina dovrebbe essere completamente nel recipiente di vetro e non sporgere all'esterno come nel mio caso.

Suggerimenti
- Per un terrario più completo puoi aggiungere del muschio fresco e altri elementi decorativi come per esempio, rocce, piccole miniature.
- Il terrario classico vuole molta luce indiretta quindi deve essere collocato lontano da caloriferi e stufe e mai esposto ai raggi diretti del sole.
- Se costituito adeguatamente va annaffiato pochissimo perchè si auto-alimenta. Se aperto annaffia una volta a settimana con un paio di cucchiai di acqua, se chiuso aprilo per qualche ora al giorno nelle ore più calde ed elimina muffa e foglie avvizzite.
- Con la crescita le piantine tenderanno a intrecciarsi tra loro, creando un insieme unico, quindi nel caso la loro crescita è eccessiva sradicale e trovagli una nuova collocazioni in vasi normali.

  • Condividi:

Ti potrebbe piacere anche

0 commenti